Almanzora, Marble Route - CasaEnChilches.comAlmanzora, Marble Route

Le città che fanno parte della cosiddetta Marmo Regione, sono caratterizzate dalla loro enclave nella Sierra de los Filabres, un rilievo che favorisce l'aspetto di paesaggi montuosi e aspri, costellato di spazi verdi e dove le cave di questo prezioso materiale di costruzione e decorazione acquistano tutto il loro risalto.

La città di Macael è inestricabilmente legata al marmo, che ha fatto prosperare economicamente. Più che uno stile di vita, si potrebbe parlare di un segno distintivo dei Macaelenses. Non invano, è il comune di Almeria con una maggiore densità industriale, poiché produce oltre l'80% di tutto il marmo spagnolo.

I romani lo usavano già per la costruzione dei loro sarcofagi e nella s. XIII e XIV era questa pietra che è stata utilizzata per la costruzione della monumentale Alhambra di Granada. La sua varietà cromatica e la sua alta qualità, riconosciuta in tutto il mondo, hanno fatto sì che i grandi architetti lo richiedessero. È presente negli edifici delle dimensioni del Monastero di El Escorial, della Moschea di Cordova, del Palazzo di Medina Azahara o del Palazzo Reale.

Le cave sono di proprietà pubblica, pagando una piccola tassa per l'estrazione del marmo. La popolazione di Laroya, che si estende lungo un pendio, deve anche il suo sviluppo al marmo.

In questa località, la domenica di Pasqua celebra una delle più antiche tradizioni almerine, le Cuartetas. Il cuartetero è incaricato di recitare le quartine composte dai vicini e che racconta aneddoti di ogni tipo riferiti alle persone sposate.

I suoi Piedras Labrás l'hanno fatta conoscere. Stiamo parlando di Chercos, una piccola città dei Filabres dove ci sono depositi risalenti al secondo millennio aC Uno dei più famosi è la Pietra dei Mori, con incisioni rupestri che rappresentano scene della vita di tutti i giorni. Il luogo avrebbe dovuto essere usato come un altare per il culto all'aperto.

Cóbdar è una città bianca con strade quasi parallele che formano uno stretto fan e vedere come i suoi fertili campi, ricchi di raccolti, sono irrigati con l'acqua di cinque fontane che scorrono dalla collina di marmo di Los Calares. Da parte sua, l'acquedotto romano di Albánchez, insieme ai vecchi mulini, sono assolutamente da vedere.

Per chiudere il viaggio verso i villaggi di marmo non possiamo smettere di parlare di Líjar, una città che dichiarò guerra alla Francia nel 1883 prima degli insulti ricevuti dal re Alfonso XII durante la sua visita nel paese gallico. Un secolo ha portato le parti a riconciliarsi. Spiccano i petroglifi della Piedra de la Herradura.

it_ITItaliano
es_ESEspañol fr_FRFrançais en_GBEnglish (UK) nl_NLNederlands pt_PTPortuguês it_ITItaliano